top of page
  • Sarah

Essere se stessi. Cosa mi hanno insegnato le storie.

Aggiornamento: 8 feb 2022


Si alza il sipario. Le luci si spengono per far risaltare quelle sul palcoscenico. Il pubblico è in trepidante attesa. Gli attori iniziano a comparire sul palco, recitando la loro parte. E, come per magia, tutti vengono rapiti. Fiato sospeso, lacrime, sorrisi.


Il bambino, sul letto con il libro in mano, aspetta che la sua mamma si sieda accanto a lui e legga la favola della buonanotte. Lei arriva, gli accarezza i capelli, lo abbraccia, apre il libro e legge. L'avventura è al di là del tempo, ma non importa. Mentre il bambino ascolta non è davvero lì con la sua mamma: è insieme ai personaggi della sua storia preferita. Combatte con loro, piange con loro, ride per loro.


Lo scrittore appoggia la penna sul tavolo. Sorride. La storia che sta creando ha preso una forma ben definita nella sua mente e conosce i personaggi come se fossero suoi amici. Di loro saprebbe dirti tutto, persino cosa preferiscono mangiare a colazione. Chiude e gli occhi e immagina il suo libro sugli scaffali di una libreria. Immagina che qualcuno, da qualche parte, viva le avventure che leggerà con lo stesso trasporto suo.


Cos'hanno in comune questi scenari? Semplice. Il protagonista. Che non sono gli attori, né il bambino o lo scrittore. Sono le storie.


Perché le storie sono importanti?


Le storie esistono da quando esiste l'uomo: raccontate la sera attorno al fuoco, o dipinte con le mani sulla parete di una grotta. Sono le storie che hanno formato quello che siamo, insegnando, mostrando, spiegando. Una storia non è mai puro intrattenimento. C'è sempre qualcosa che tocca nel profondo. Non esistono storie che non lascino almeno uno spunto per la riflessione.

Sono le storie a dirci chi siamo, se solo sappiamo ascoltarle.


La storia di noi stessi nella storia degli altri

Ogni volta che racconto una storia, nell'ambito nel mio lavoro, ho il grande privilegio di poter osservare le reazioni di chi mi ascolta. Puntuali, sincere, precise.

Quando ascoltiamo una storia non indossiamo l'armatura. Perché essa ci impedirebbe di immergerci completamente, ma noi ascoltiamo storie (o le leggiamo) proprio perché vogliamo uscire da noi stessi ed entrare nei panni di qualcun altro

Ovviamente è impossibile uscire da se stessi, ed è proprio questa la magia più grande di una storia: l'illusione di evadere e di andare all'esterno, quando in realtà stiamo andando dentro di noi, così in profondità da scoprire cose che altrimenti non avremmo mai visto.

Mentre ascolto la storia di qualcun altro, io vedo me. Perché siamo tutti parte della stessa trama, che crea la storia più bella e grande che sia mai stata raccontata: quella dell’Universo.


Essere se stessi.

Una delle cose che insegno più spesso, nel mio lavoro, è l’importanza di essere se stessi. Non possiamo vivere la vita di qualcun altro e pretendere di essere felici. Non possiamo perderci dietro l’immagine di qualcuno che non siamo noi e pretendere di riconoscerci.

Abbiamo bisogno di sapere chi siamo, ma del resto, non è così che funziona anche nelle storie? Quando il protagonista attraversa mille peripezie per poi rendersi conto che solo essendo se stesso può vincere, sta accompagnando noi nello stesso cammino.

Ogni storia nasconde in sé un viaggio. E l’unico vero viaggio che compiamo è quello dentro noi stessi.


Il paradosso delle storie

Il più grande paradosso delle storie è anche la loro magia più grande. Mentre ci accompagnano in mondi sconosciuti, a conoscere persone che non avremmo mai incontrato, ci stanno portando, mano nella mano, dentro di noi, a scoprire chi siamo.


Cosa mi muove?

Chi sono davvero?

Che cosa voglio? E perché?


Se sappiamo leggere o ascoltare bene, una storia può aiutarci a rispondere a queste domande. Parte del mio lavoro è proprio aiutarti in questo, raccontandoti le storie giuste, illuminando il palcoscenico e aiutandoti a vedere te in mezzo agli attori sulla scena.

Contattami per maggiori informazioni scrivendo qui.

Se invece vuoi un esempio di come le storie possano davvero farci riflettere, prova a leggere di quella volta che il Sole è scomparso, qui.

Se vuoi invece entrare in una community speciale, in cui le storie e la crescita personale si intrecciano creando qualcosa di magico, puoi iscriverti al nostro gruppo Facebook qui.


4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Post: Blog2_Post
bottom of page